La Gelotofobia

La gelotofobia

“Niente e nessuno può farti sentire inferiore, a meno che tu non glielo consenta.” (Anna Eleanor Roosevelt)

Sapete cosa significa il termine "GELOTOFOBIA"? Viene da pensare alla fobia di mangiar gelati, ma non è così!

La gelotofobia è una condizione inquadrata nella famiglia delle fobie (fobia sociale), la parola è di origine greca e sta a significare “paura del riso”. Infatti un individuo affetto da gelotofobia ha una costante paura di essere criticato, deriso dagli altri che gli stanno intorno.

A tutti capita di essere, chi più, chi meno, sensibile alle critiche altrui. I gelafotobici, invece, sembra che abbiano l'incapacità di fare la distinzione, esempio, tra un sorridere sarcastico e un sorridere finto. Interpretano erroneamente la mimica facciale degli altri, il tono della voce, ecc. credendo di essere sempre loro l'oggetto di derisione.

Per coloro che soffrono di tale disturbo il trattamento psicologico elettivo può essere la psicoterapia cognitivo comportamentale (PCC) che sta assumendo il ruolo di trattamento psicologico d’elezione per la stragrande maggioranza dei problemi psicologici.




Ambiti di Intervento

  • Consulenza e psicoterapia individuale e di coppia
  • Trattamento di disturbi d’ansia, attacchi di panico e depressione
  • Disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, abbuffate compulsive)
  • Colloqui di sostegno psicologico (per problematiche legate a stress, autostima)
  • Consulenze sessuali
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Consulenza psicologica rivolta al singolo, ai genitori, alle famiglie per minori a rischio

Dott.ssa Mariella Spilabotte | Via Madonna della Neve, 68 - 03100 Frosinone | Poliambulatorio BIOLAB - 03029 Castelmassimo (FR) - 57, v. S. Maria | Tel. 338. 4709089
E-mail:
mariellaspilabotte@gmail.com | privacy


Iscritta all'Albo degli Psicologi dal 09/09/1996 N. 6739

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dr.ssa Mariella Spilabotte.
Ultima modifica: 19/02/2016