I DISTURBI ALIMENTARI

I Disturbi Alimentari / Cosa sono e come si curano efficacemente

INTRODUZIONE
I disturbi dell’alimentazione, al giorno d’oggi, sono un fenomeno largamente diffuso e ancora poco conosciuto.

Le informazioni apprese dalle varie fonti popolari spesso sono imprecise e causano la divulgazione di idee non corrette riguardo la causa e il trattamento adeguato da intraprendere.

CLASSIFICAZIONE E CRITERI DIAGNOSTICI
Secondo il DSM IV TR, manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, i DCA comprendono l’Anoressia Nervosa (AN), la Bulimia Nervosa (BN) e il Disturbo dell’Alimentazione Non Altrimenti Specificato (DANAS), che raggruppa i disturbi alimentari che non rientrano nelle definizioni precedenti. Tra questi ultimi degno di nota è il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI), o in inglese Binge Eating Disorder (BED).

ANORESSIA NERVOSA

A. Rifiuto di mantenere il peso corporeo ai di sopra o al peso minimo normale per l'età e la statura (perdita di peso che porta a mantenere il peso corporeo al di sotto dell'85% rispetto a quanto previsto, oppure incapacità di raggiungere il peso previsto durante il periodo della crescita in altezza, con la conseguenza che il peso rimane al di sotto dell'85% rispetto a quanto previsto).

B. Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso.

C. Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, o eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, o rifiuto di ammettere la gravita della attuale condizione di sottopeso.

D. Nelle femmine dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi. (Una donna viene considerata amenorroica se i suoi cicli si manifestano solo a seguito di somministrazione di ormoni, per esempio estrogeni).

Specificare il sottotipo:

Con Restrizioni: nell'episodio attuale di Anoressia Nervosa (AN) il soggetto non ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, di diuretici o di enteroclismi).

Con Abbuffate/Condotte di Eliminazione: nell'episodio attuale di Anoressia Nervosa (AN) il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per es. vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, di diuretici o di enteroclismi).

BULIMIA NERVOSA

A. Ricorrenti abbuffate. Un’abbuffata è caratterizzata da entrambi i seguenti elementi:

1) mangiare in un definito periodo di tempo (ad es, un periodo di due ore), una quantità di cibo significativamente maggiore di quello che la maggior parte delle persone mangerebbero nello stesso tempo ed in circostanze simili;
2) sensazione di perdere il controllo durante l'episodio (ad es., sensazione di non riuscire a smettere di mangiare o a controllare cosa e quanto si sta mangiando).

B. Ricorrenti ed inappropriate condotte compensatorie per prevenire l'aumento di peso, come vomito autoindotto, abuso di lassativì, di diuretici, di enteroclismi o di altri farmaci, digiuno o esercizio fisico eccessivo.

C. Le abbuffate e le condotte compensatorie si verificano entrambe in media almeno due volte alla settimana, per tre mesi.

D. I livelli di autostima sono indebitamente influenzati dalla forma e dal peso corporei.

E. L'alterazione non si manifesta esclusivamente nel corso di episodi di Anoressia Nervosa (AN).

Specificare il sottotipo:

Con Condotte di Eliminazione: nell'episodio attuale di Bulimia Nervosa (BN) il soggetto ha presentato regolarmente vomito autoindotto o uso inappropriato dì lassativi, di diuretici o di enteroclismi.

Senza Condotte di Eliminazione: nell'episodio attuale il soggetto ha utilizzato regolarmente altri comportamenti compensatori inappropriati, quali il digiuno o l'esercizio fisico eccessivo, ma non si dedica regolarmente al vomito auto-indotto o all'uso inappropriato di lassativi, di diuretici o di enteroclismi.

DISTURBO DELL’ALIMENTAZIONE NON ALTRIMENTI SPECIFICATO (DANAS)

1) Per il sesso femminile, tutti i criteri dell’Anoressia Nervosa (AN) in presenza di un ciclo mestruale regolare.

2) Tutti i criteri dell’Anoressia Nervosa (AN) sono soddisfatti e, malgrado la significativa perdita di peso, il peso attuale risulta nei limiti della norma.

3) Tutti i criteri della Bulimia Nervosa (BN) risultano soddisfatti tranne il fatto che le abbuffate e le condotte compensatorie hanno una frequenza inferiore a 2 episodi per settimana per 3 mesi.

4) Un soggetto di peso normale che si dedica regolarmente ad inappropriate condotte compensatorie dopo aver ingerito piccole quantità di cibo (es. induzione del vomito dopo aver mangiato due biscotti).

5) Il soggetto ripetutamente mastica e sputa, senza deglutirle, grandi quantità di cibo.

6) Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI): ricorrenti episodi di abbuffate in assenza delle regolari condotte compensatorie inappropriate tipiche della Bulimia Nervosa (BN).

Per il Disturbo da Alimentazione Incontrollata (DAI), o in inglese Binge Eating Disorder (BED), nell’appendice B del DSM IV TR sono stati proposti i seguenti criteri:

A. Episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata. Un episodio di alimentazione incontrollata si caratterizza per la presenza di entrambi i seguenti elementi:

1) mangiare, in un periodo definito di tempo (per es., entro un periodo di 2 ore), un quantitativo di cibo chiaramente più abbondante di quello che la maggior parte delle persone mangerebbe in un periodo simile di tempo e in circostanze simili;
2) sensazione di perdita del controllo nel mangiare durante l'episodio (per es., la sensazione di non riuscire a fermarsi, oppure a controllare che cosa e quanto si sta mangiando).

B. Gli episodi di alimentazione incontrollata sono associati con tre (o più) dei seguenti sintomi:

1) mangiare molto più rapidamente del normale
2) mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni
3) mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente fisicamente affamati
4) mangiare da soli a causa dell'imbarazzo per quanto si sta mangiando
5) sentirsi disgustato verso sé stesso, depresso, o molto in colpa dopo le abbuffate.

C. E’ presente marcato disagio a riguardo del mangiare incontrollato.

D. Il comportamento alimentare incontrollato si manifesta, mediamente, almeno per 2 giorni alla settimana in un periodo di 6 mesi.

E. L'alimentazione incontrollata non risulta associata con l'utilizzazione sistematica di comportamenti compensatori inappropriati (per es., uso di purganti, digiuno, eccessivo esercizio fisico), e non si verifica esclusivamente in corso di Anoressia Nervosa o di Bulimia Nervosa.

PSICOPATOLOGIA DEI DISTURBI ALIMENTARI

La psicopatologia specifica e centrale dei DCA, osservata solo nei disturbi dell’alimentazione e presente nella maggior parte delle persone affette da questi disturbi, è l’eccessiva importanza attribuita all’alimentazione al peso, alle forme corporee e al loro controllo nella valutazione di sé.

Le persone che soffrono di disturbi alimentari giudicano il loro valore largamente, e in alcuni casi esclusivamente, in termini di alimentazione, peso, forma del corpo.

Le espressioni tipiche sono:

  • l’estrema preoccupazione per il peso: le persone con disturbi dell’alimentazione si pesano frequentemente e di conseguenza sono preoccupate per le minime variazioni di peso; altre invece evitano totalmente di pesarsi e mantengono la paura nei confronti del peso;
  • la preoccupazione per la forma del corpo che comporta il check del corpo, come ad esempio scrutare parti del corpo allo specchio, prendere in mano le pieghe del grasso, misurare parti del corpo, confrontare il proprio corpo con quello di altre persone;
  • l’evitare di guardare il proprio corpo o di esporre parti del corpo alla vista degli altri;
  • il sentirsi grasso, gonfio e pieno, la continua ricerca della magrezza e la paura di ingrassare che non si mitiga con la perdita di peso;
  • le regole dietetiche estreme e rigide;
  • l’attività fisica eccessiva e compulsiva;
  • il vomito auto-indotto e l’uso improprio di lassativi e diuretici.
Il successo nel seguire le regole dietetiche estreme e rigide produce una situazione di restrizione dietetica calorica e di sottopeso che si associa alla comparsa di caratteristici sintomi da denutrizione. Spesso, però, le regole dietetiche, proprio perché sono estreme e rigide, vengono rotte e si verificano gli episodi bulimici che, anche se sono seguiti da comportamenti di compenso, ad esempio il vomito auto-indotto, mantengono una situazione di bilancio energetico in pareggio. Questa situazione, chiamata restrizione dietetica cognitiva, ma non calorica, è tipica delle persone con disturbi dell’alimentazione non sottopeso.

LE CAUSE

Tra i fattori predisponenti o di rischio sono compresi tutti quei fattori di tipo individuale, familiare e culturale che aumentano il rischio e quindi la probabilità di sviluppare un DCA.

I fattori di rischio individuali:

  • il genere (femminile)
  • l’età (adolescenza e prima giovinezza)
  • essere stati in sovrappeso nell’infanzia
  • avere fatto diete dimagranti
  • alcune caratteristiche psicologiche: tratti ossessivi di personalità, la bassa autostima nucleare e il perfezionismo patologico
  • il rifiuto del corpo adulto e della sessualità
  • la distorsione dell’immagine corporea
  • un cattivo rapporto con il cibo, appreso fin dall’infanzia.
Clima familiare :

  • famiglia in cui si nota una particolare attenzione per la cura dell’aspetto fisico e dell’alimentazione.
  • relazione significativa tra l’insoddisfazione del proprio aspetto fisico di uno dei due genitori e la presenza di un atteggiamento analogo nelle figlie femmine.
  • presenza di atteggiamenti ipercritici e ossessivi nelle famiglie di ragazze anoressiche.
I valori socioculturali tipici del mondo occidentale:

  • la competitività
  • la richiesta di prestazioni straordinarie
  • l’esaltazione della magrezza.
Tra i fattori scatenanti o precipitanti:

  • dieta dimagrante, nei soggetti predisposti, rappresenta un fattore scatenante di grande spessore;
  • separazioni e lutti;
  • alterazioni dell’equilibrio familiare;
  • esperienze sessuali;
  • una malattia fisica acuta o un trauma accidentale
  • l’esperienza dei cambiamenti puberali vissuti in modo traumatico.

I MECCANISMI DI MANTENIMENTO PSICOLOGICI

L’ eccessiva valutazione attribuita al cibo, al peso e alle forme corporei e al controllo di essi è il problema psicologico centrale nei disturbi alimentazione. Per guarire dal disturbo alimentare è necessaria la sua modificazione.

I meccanismi di mantenimento sono rappresentati da tutti quegli eventi che rafforzano e fanno permanere il disturbo, una volta che si è instaurato.

Essi sono rappresentati da tutti quei pensieri, preoccupazioni o vere e proprie convinzioni, emozioni e comportamenti, che si possono definire disfunzionali, in quanto contribuiscono a mantenere attivo lo schema di autovalutazione disfunzionale di sé

I pensieri e i comportamenti disfunzionali tipici sono:

pensieri, preoccupazioni e convinzioni disfunzionali del tipo “E’ importante essere magri”, “Se sono grasso, non sarò mai amato”, “Devo fare di tutto per essere magro” ecc;

comportamenti come le abbuffate, la dieta ferrea, i comportamenti di compenso, i comportamenti di controllo del cibo (es. controllare le etichette dei cibi o contare le calorie), i comportamenti di controllo e di evitamento legati al corpo (es. pizzicarsi varie parti del corpo per misurare il grasso o evitare di guardarsi allo specchio) e le sensazioni di essere pieno o grasso;

Fattore di mantenimento del DCA è anche la tendenza ad isolarsi, che è conseguenza della difficoltà di condividere con gli altri le proprie preoccupazioni relative all’aspetto fisico e le occasioni di incontro, caratterizzate dall’andare a mangiare qualcosa insieme, che diventano, per questo tipo di soggetti, fonte di eccessiva ansia.

Un ulteriore fattore di mantenimento comune ai DCA è costituito dalla risposta familiare al problema, che può portare al perpetuarsi della condizione. Infatti una maggiore attenzione e protezione da parte dei familiari non può produrre altro che il mantenimento della sintomatologia.

E' molto importante tenere in debita considerazione questi aspetti, poiché gli interventi vanno indirizzati proprio alla riduzione di questi fattori.

Bibliografia

  • American Psychiatric Association (2000). DSM IV-TR Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (4th ed., Text Revision). Washington, DC: The American Psychiatric Association (Trad. it., DSM IV-TR Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali. Milano: Masson, 2002).
  • Dalle Grave, R. (2012). Come vincere i disturbi dell'alimentazione. Un programma basato sulla terapia cognitivo comportamentale. Positive Press.
  • Christopher G. Fairburn, (2010). La terapia cognitivo comportamentale dei disturbi dell'alimentazione. Edizione Italiana A. Carrozza (a cura di), R. Dalle Grave (a cura di). IPSICO Firenze
  • Dalla Grave, R. (2003). Terapia cognitivo-comportamentale ambulatoriale dei disturbi dell’alimentazione. Verona: Positive Press.




Ambiti di Intervento

  • Consulenza e psicoterapia individuale e di coppia
  • Trattamento di disturbi d’ansia, attacchi di panico e depressione
  • Disturbi del comportamento alimentare (anoressia, bulimia, abbuffate compulsive)
  • Colloqui di sostegno psicologico (per problematiche legate a stress, autostima)
  • Consulenze sessuali
  • Disturbo ossessivo compulsivo
  • Consulenza psicologica rivolta al singolo, ai genitori, alle famiglie per minori a rischio

Dott.ssa Mariella Spilabotte | Via Madonna della Neve, 68 - 03100 Frosinone | Poliambulatorio BIOLAB - 03029 Castelmassimo (FR) - 57, v. S. Maria | Tel. 346.3577522
E-mail:
mariellaspilabotte@gmail.com | privacy


Iscritta all'Albo degli Psicologi dal 09/09/1996 N. 6739

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione.
I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2015 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dr.ssa Mariella Spilabotte.
Ultima modifica: 19/02/2016