La Gelotofobia

“Niente e nessuno può farti sentire inferiore, a meno che tu non glielo consenta.”
(Anna Eleanor Roosevelt)

Gelotofobia

Sapete cosa significa il termine "GELOTOFOBIA"? Viene da pensare alla fobia di mangiar gelati, ma non è così!

La gelotofobia è una condizione inquadrata nella famiglia delle fobie (fobia sociale), la parola è di origine greca e sta a significare “paura del riso”. Infatti un individuo affetto da gelotofobia ha una costante paura di essere criticato, deriso dagli altri che gli stanno intorno.

A tutti capita di essere, chi più, chi meno, sensibile alle critiche altrui. I gelafotobici, invece, sembra che abbiano l'incapacità di fare la distinzione, esempio, tra un sorridere sarcastico e un sorridere finto. Interpretano erroneamente la mimica facciale degli altri, il tono della voce, ecc. credendo di essere sempre loro l'oggetto di derisione.

Per coloro che soffrono di tale disturbo il trattamento psicologico elettivo può essere la psicoterapia cognitivo comportamentale (PCC) che sta assumendo il ruolo di trattamento psicologico d’elezione per la stragrande maggioranza dei problemi psicologici.


Articolo a cura della
Dr.ssa Mariella Spilabotte
Psicologa e Psicoterapeuta a Frosinone

Dr.ssa Mariella Spilabotte

Psicologa e Psicoterapeuta a Frosinone
P.I. 2389810603
Iscritta all’Albo Professionale degli Psicologi della regione Lazio n. 6739
Laureata in Psicologia

Dove opero
© 2019. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it